Pagina base articolo-prec - Coltivare l'orto

Vai ai contenuti

Pagina base articolo-prec

Antologia > Tutti gli argomenti > Attrezzature
Ci sono delle parole che ricorrono molto frequentemente tra i coltivatori di orti. Come per qualsiasi altra arte, anche l’orticoltura dà origine ad un “gergo per iniziati”, composto da termini che appaiono chiarissimi agli addetti ai lavori, mentre possono essere nebulosi o incomprensibili per i novizi. In favore di chi sti sta avvicinando alla comunità degli amanti dell’orto, ecco un piccolo dizionario, assolutamente incompleto; ma, per cominciare, può bastare
A come…Apparenza
L’apparenza degli ortaggi che troviamo nei supermercati è spesso nettamente superiore a quelli coltivati nell’orto: si sa che il “biologico” è meno esteticamente gradevole. Diciamo pure che i nostri ortaggi biologici sono meno belli, pèrò… quanto sono più sani!

A come… Apparenza. spesso le verdure coltivate con metodi biologici non hanno niente da invidiare a quelle coltivate con metodi industriali
B come…Biologico
L’orto biologico comprende un approccio alla coltivazione che tende ad escludere prodotti non naturali, in particolare i prodotti chimici cosiddetti “di sintesi”, cioè sintetizzati in laboratorio. Nell’uso di sostanze si cerca anche di privilegiare quelle “di contatto” rispetto a quelle che entrano nel circolo delle piante: le prima si possono eliminare con un buon lavaggio, le seconde no.
C come…Compostaggio
Una pratica mai sufficientemente lodata. Nella pratica, tutti gli scarti biologici (cioè naturalmente e rapidamente decomponibili) della cucina e dell’orto subiscono un trattamento elementare, al termine del quale si trasformano in humus e possono essere reimmessi nel terreno per restituire quella fertilità naturale che erastata sottratta dalle coltivazioni.

C come…Compostaggio. Il segreto principale di un buon orto sta nel compostaggio degli scarti, che restituisce humus al terreno
Black Friday 2021
fino al 30 novembre
SCONTO 50%
su tutti i libri ed ebook della nostra casa editrice.




D come…Difesa
La difesa dalle malattie e dai parassiti è un’arte, che va appresa tramite l’esperienza. Senza ricorrere a prodotti chimici l’ortolano trova in natura decine e decine di rimedi biologici efficaci
E come…Erbe spontanee
Le erbe spontanee vanno eliminate perché sono più robuste degli ortaggi coltivati, e tendono a danneggiarli sottraendo nutrimento e luce. Alcune erbe spontanee, però, come l’ortica o la portulaca, oltre ad essere commestibili possono essere utili.
V come…Vivaio. Le piantine per l’orto vanno coltivate in un apposito vivaietto. Il costo delle sementi non consiglia più la semina diretta
F come…Farine
Le farine derivanti dalla lavorazione di materiali biologici come il pesce, le ossa, il sangue, trovano impiego come fertilizzanti biologici. La farina di roccia può essere distribuita sulle piante in funzione antiparassitaria.
G come…Galline e animali da cortile
In genere sono utili per combattere insetti e lumache, ma devono essere assolutamente tenute lontano dall’orto perché razzolando lo distruggerebbero rapidamente.  Il letame di gallina, coniglio e altri animali da cortile è fortemente azotato e non può essere usato così com’è perché rischia di bruciare le piante. Deve essere fortemente diluito (almeno uno a venti) oppure va lasciato invecchiare un paio di anni prima di essere usato.
S come…Semi. Assicuratevi sempre che i semi non siano scaduti. Dovete trovare la data sulla confezione
H come…Humus
L’humus è la parte più nutritiva del terreno e la più facilmente assorbibile dagli ortaggi. E’ costituito dai residui morti delle coltivazioni sottoposti all’azione dei batteri e dei microrganismi del terreno. Il compostaggio consente di ottenere dell’ottimo humus.
I come…Irrigazione
L’irrigazione è indispensabile. Deve essere soprattutto omogenea, cioè deve mantenere il, terreno sempre allo stesso grado di umidità. La terra deve essere umida ma non bagnata. Soprattutto vanno evitati i ristagni. Altre condizione da evitare è quella derivante da una irrigazione irregolare, cioè terreno alternativamente arido e troppo bagnato. In queste condizioni le piante tendono a prefiorire, i pomodori si ammalano di marciume apicale.
O come…Ortaggi originali. La presenza di alcuni ortaggi insoliti rende l’orto una vera attrazione
L come…Luna
 
Quanti dibattiti sugli  effetti della luna sulle coltivazioni! Possiamo stabilire due punti fermi.
 
Scientificamente,  si comincia a riconoscere che l’effetto marea, così evidente sulle grandi  masse di acqua, ha effetto anche sulle piccole masse, quindi anche sulla  linfa e sulla umidità delle piante. Quanto all’effetto sui semi, è noto che  la luce luinare presenta una forte componente rossa, che riesce a penetrare  anche nel terreno.
 
Nella  pratica, finché si continua a violentare le piante con concimazioni  sproporzionate, ormonaggi e interventi chimici di ogni tipo, non basterebbero  cento lune per realizzare effetti visibili: queste piante sono sicuramente  insensibili all’azione della luna.
 
 
M come…Macerato
 
I macerati si ottengono  mettendo delle particolari erbe in acqua fredda, dove vanno lasciati per due  giorni almeno. In orticoltura i macerati più usati sono quello di ortica,  ottimo come antiparassitario, e quello di Coda di cavallo che è ottimo anche  come anticrittogamico, cioè nella lotta alle muffe  e malattie fungine.
 

     
     
P come…Potatura. Per una  buona produzione eliminate sempre i getti in eccesso e quelli disordinati, che  impediscono un transito agevole tra le file
N come…Nematodi
Sono dei minuscoli vermi, praticamente invisibili, che vivono nel terreno. Alcuni possono aggredire le radici degli ortaggi causando gravi patologie, come la crescita stentata della pianta. Altri invece aggrediscono i parassiti e vengono appositamente iniettati nel terreno.
O come…Organico (fertilizzante)
Il fertilizzante organico è quello di origine biologica, come tipicamente sono le deiezioni degli animali. Si contrappone al fertilizzante chimico che viene prodotto con procedimenti industriali. Il miglior fertilizzante organico è il letame bovino, che però è sempre più difficile da reperire. Si può sostituire con lo stallatico pellettato. Tra i fertilizzanti organici ricordiamo anche il compost, il guano, il sangue di bue e la cornunghia

   
     
A come…Aromatiche. Le  aromatiche impreziosiscono l’orto di profumi e tengono lontani i parassiti.  Nella figura l’acetosa, che non è una vera e propria aromatica ma si usa in  piccole dosi per insaporire le insalate
P come…Progetto
 
Prima di iniziare un orto  conviene progettarlo razionalmente, tenendo conto di alcune condizioni  indispensabili, due assolutamente importanti: la presenza di acqua e di luce.  Ci deve esser e la possibilità di attingere acqua per l’irrigazione, e  l’esposizione deve essere quanto più assolata, cioè lontana da muri, alberi e  altri ostacoli ombreggianti.
 
L’orto deve prevedere  possibilmente un piccolo capanno per il ricovero degli attrezzi, una piccola  pergola per il riposo dell’orticoltore, un viale principale dove sia  possibile far transitare almeno una carriola e vialetti tra tutte le aiuole.  Queste devono esser orientate da est a ovest, per favorire il passaggio del  sole tra tutte le file.
 

     
     
T come…Tutoraggio.  Sostenete sempre le piante con dei paletti (vanno benissimo le canne raccolte  in autunno)
Q come…Qualità e Quantità
Non esagerare con le concimazioni per ottenere una maggiore quantità di prodotto. L’eccessivo azoto resta nelle foglie e passa all’organismo. Alcuni nutrienti chimici, se presenti in quantità eccessiva, inibiscono l’assorbimento degli altri da parte delle radici.
Le piante vanno potate, se necessario, per ottenere frutti di buona pezzatura. Un melone non potato produrrà decine di meloncini da pochi grammi, mentre una pianta su cui si lasceranno i due o tre frutti migliori li faranno crescere fino al loro peso naturale.  
R come…Rotazione
La rotazione è necessaria perché un tipo di ortaggio, coltivato per più anni ripetutamente sulla stessa parcella di terreno, si ammala e produce sempre di meno. Una buona rotazione deve durare almeno tre anni, cioè, dopo aver coltivato un ortaggio (per esempio le patate) su un terreno, per altri due anni non vi si dovrebbero coltivare né patate né ortaggi della stessa famiglia (nel caso, pomodori, peperoni e melanzane). Così tra angurie, meloni, cetrioli e zucche, e tra fagioli, piselli e fave. Se una concimazione abbondante può ovviare al calo di produzione, non riesce però a contrastare la diffusione di malattie che è particolarmente grave nel caso delle crucifere (cavoli di ogni tipo e rape)
   

     
     
R come…Rotazione. Non  seminate per più anni consecutivamente né le patate né nessun altro ortaggio  sulla stessa parcella di orto
S come…Semi
 
E’ possibile ricavare le semi  dal proprio orto ma nin per troppi anni consecutivi per non favorire  malattie. Seminando un ortaggio, è preferibile utilizzare due varietà di  semi. Occorre ricordare che i semi ibridi (contrassegnati dalla sigla F1)  danno origine a piante più resistenti e produttive, ma i loro semi sono  sterili o comunque non corrispondono alla pianta madre. Infine, ricordate che  i semi hanno una scadenza, che va da due a dieci anni circa secondo le  varietà. Non conservateli troppo a lungo, e soprattutto teneteli al buio e  all’asciutto.
 
 
T come…Tutoraggio
 
Gli ortaggi che tendono a  crescere in altezza vanno sostenuti con appositi paletti, detti tutori,  oppure con resti plastiche o altri sostegni. Così specialmente pomodori,  piselli e fagioli rampicanti, peperoni, e tutti gli ortaggi che tendono a  superare l’altezza di un metro. Anche per quelli che tenderebbero a  strisciare sul terreno come cetrioli e zucche è utile predisporre delle reti  su cui andranno aiutati ad arrampicarsi, fatte salve le zucche più pesanti.
 

     
     
V come…Vasi. Tutti gli  ortaggi possono essere coltivati con profitto nei vasi, se volete utilizzare  a orto qualche zona lastricata
U come…Utensili
 
Pe runa buona coltivazione  dell’orto non sono necessari molti utensili. Per cominciare bastano una  vanga, una zappa, un rastrello e, se l’orto ha una certa dimensione, una  carriola. Molto utile anche un innaffiatoio o un tubo di gomma per l’acqua.
 
 
V  come…Vangatura
 
Almeno una volta all’anno,  preferibilmente nel periodo di riposo, è utile fare una vangatura dell’orto,  cioè rovesciare le zolle fino a 25-30 cm di profondità. Questo consente di  interrare profondamente i semi delle infestanti, senza che abbiano la  possibilità si germinare, e portare in superficie eventuali larve terricole  per esporle agli uccelli insettivori.
 

     
     
B come…Basilico. Anche  il basilico va seminato in vivaio e successivamente trasferito in campo  quando la temperatura è già stabilizzata e non si temono freddi
Z come…Zolfo e microelementi
Lo zolfo, assieme a ferro, boro, manganese, calcio, e molti altri, è un microelemento. La nutrizione delle piante ha bisogno di tre macreoelementi (azoto, fosforo, potassio)  che devonbo essere presenti in quantità misurabile. Viceversa, dei microelementi bastano delle tracce nel terreno, ma la loro assenza pregiudica comunque la produzione. Pensate alle foglie ingiallite dovute alla carenza di ferro. Un apporto equilibrato di microelementi veniva assicurato dalle concimazioni con letame animale. Se usate concimi chimici per l’orto preferite quelli addizionati con microelementi: solitamente sono quelli con granelli blu, ma controllate sulla confezione. Costano un poco di più ma ne vale la pena.

P come… Piante insolite. Il rabarbaro è una di quelle piante a cui si pensa raramente, eppure abbellisce notevolmente l’orto
Buon orto a tutti !!!
Torna ai contenuti